mercoledì 30 settembre 2020 Logo
Home PageContattiArea Riservata

Astrolabio
Messaggio del Prefetto di Latina


Info Sostanze

Cannabis

 
Menu
 

      La Scheda

Cos'è la Cannabis

Imagine

La "cannabis sativa" è una pianta erbacea a ciclo annuale che cresce in varie aree del mondo a clima temperato. Sebbene ne esistano differenti varietà (indica, americana, africana), la maggior parte dei botanici le considera appartenenti ad un'unica specie. Le piante, che in condizioni ottimali possono superare i tre metri di altezza, si differenziano, durante la crescita, in maschili e femminili. Ciò che comunemente viene definita marijuana è in genere un miscuglio di infiorescenze e foglie di cannabis essiccate (una mistura grigio-verde di foglie, gambi, semi e fiori secchi triturati). Tale preparato è anche conosciuto come ganja (India), kif (Marocco), dagga o bangi (East Africa). Viene invece comunemente denominato hashish o charas (India) la resina pressata della pianta. I due preparati differiscono in maniera significativa quanto a concentrazione del maggiore principio attivo, essendo l'hashish mediamente cinque volte più potente della marijuana.

Il principale principio attivo contenuto sia nella marijuana che nell'hashish è il delta-9-tetraidrocannabinolo (THC), che origina gli effetti di alterazione mentale caratteristici dell'intossicazione da marijuana o da hashish. La quantità di THC determina la potenza e, pertanto, gli effetti della sostanza. Fra il 1980 ed il 1997, la quantità di THC presente nella marijuana è aumentata in maniera preoccupante negli Stati Uniti. La maggior parte dei consumatori di marijuana - spesso chiamata erba, maria, fumo, canna, spinello, brace, paglia - fuma questa droga attraverso sigarette preparate manualmente chiamate spinelli (o "joint") ed in numerosi altri modi; alcuni utilizzano pipe o pipe d'acqua, chiamate "bong". Si sta diffondendo anche l'uso di sigari di marijuana, chiamati "blunt". Per realizzare i blunt, gli utilizzatori tagliano i sigari e sostituiscono il tabacco con la marijuana, spesso combinata con un'altra droga, come crack o cocaina. La marijuana può anche essere usata nel tè e talvolta miscelata col cibo.


Imagine

La sostanza è considerata la più inoffensiva tra le droghe offerte sul mercato illegale, ma anche in questo caso è necessario un atteggiamento non superficiale. L'effetto calmante o eccitante, narcotico o allucinogeno dipende, oltre che dalla personalità del consumatore e dalle circostanze del consumo, soprattutto dalla diversissima qualità della sostanza. Come sai, la puoi fumare, bere o mangiare. Se fumata, gli effetti raggiungono il massimo dopo 30 minuti; se ingerita, gli effetti li sentirai dopo 30/60 minuti, perciò: mantieni bassa la dose e aspetta che faccia effetto. A bassi dosaggi, si possono avvertire effetti positivi: stai meglio con gli amici, ti senti leggero e rilassato. Ma la cannabis fa battere più forte il cuore, rallenta i riflessi e rende difficile l' attenzione: puoi avere difficoltà a mettere in ordine i pensieri, a concentrarti, e studiare dopo aver fumato può essere uno spreco di tempo, perché la cannabis incide sulla memoria a breve termine. A volte, puoi avvertire mal di testa e nausea. Ad alti dosaggi, puoi avere nausea, mal di testa, ansia e sonnolenza, cali di pressione fino allo svenimento; puoi entrare in confusione ed avere allucinazioni e crisi di panico. Inoltre la cannabis tende a sfalsare la percezione del tempo, dello spazio, dei suoni e dei colori.


Inoltre la CANNABIS:

  • Accentua i tuoi stati d'animo:
    evita di usarla se sei in paranoia o se sei triste
  • Può causare dipendenza psicologica:
    corri il rischio di divertirti solo se sei in compagnia di "Maria"!



 
 
 
   
 
Copyright © 2006 Cooperativa Astrolabio - Il Grande Carro. Home  |  Webmaster 
 
 

Valid HTML 4.01 Transitional   Valid CSS!